Tomato 1 – DDwrt 0


In questi ultimi tempi ho evoluto la mia wirless di casa verso alcuni prodotti di “qualità” dotando la mia sana rete wifi di un bel Buffalo WHR-G125 (router wirless per la precisione) .

Appena comprato decisi che non era nemmeno il caso di prendere in considerazione il firmware originale, e senza perdere tempo gli ho installato il firmware DD-WRT.

Bel sistema, con un sacco di opzioni e molto flessibile direi ottimo, ma per le mie esigenze ho riscontrato un paio di problemi:

1- A volte il demone http di incartava e dovevo riavviarlo da shell

2- Avendo ip dinamico necessitavo di un update dell’ip tramite servizi come DynDns, per poter accedere ai miei dati e fare arrivare la posta anche nel caso in cui la linea cadesse e cambiasse ip (cosa che capita pressochè SEMPRE).

3-Gestione del QOS (Quality Of  Service) per alcuni servizi (VOIP e Gaming nello specifico).

Evitando di discutere del primo problema, gli altri due sono stati un po’ rognosi.

L’update dell’ip infatti veniva fatto al massimo una volta al giorno, e questo come potete capire è un po’ una limitazione (si ok è un linux potevo modificare tutto, ma non aveva senso sbattersi tanto per una cosa che secondo me doveva già funzionare così).

Per quanto riguarda il QOS, l’ho riscontrato gestito in modo pessimo, piallava completamente la gamba in molte configurazioni che ho testato (si ok, di per se funzionava, ma con una 20mbit e il QOS attivo, con priorità massima sull’http scaricavo al massimo a 200k, tolto il QOS tornavo ai miei 2MB/s).

Sicche con tutto questo ciarlare oggi ho deciso di cambiare e di provare Tomato.

Per ora ho riconfigurato tutto esattamente con sul DD-WRT, compresi il QOS e l’update dell’ip e tutto almeno per ora pare funzionare alla grande, in un interfaccia molto user friendly e gradevole.

Quindi per ora direi Tomato 1 – DDwrt 0, vedremo fra un po’ come si comporta il sistema.

Saluti


2 risposte a “Tomato 1 – DDwrt 0”

  1. strano che ddwrt ti abbia dato tutti questi problemi, lo uso da ormai un anno e mezzo e nn me ne ha mai dati…cmq ora do uno sguardo a tomato…

  2. Non saprei leggendo in giro però almeno per quanto riguarda il QOS pare che sia cosa nota che il dd-wrt non lo gestisce ottimamente.

    D’altro canto rispetto a Tomato, il dd-wrt ha moltissime opzioni e plugin che non sono ancora state implementato in Tomato.

    Vediamo come va la faccenda, per ora non posso lamentarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per postare il commento, risolvi il quesito sottostante * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.