Iphone 5s: quanto costa effettivamente con i piani mensili!??!

Oggi ero lì lì per fare la follia e andare in un 3store a farmi un bel contrattino per l’iPhone 5s.

Per una serie di eventi (in primis il venditore che ha cercato di tirarmi la fregatura), sono tornato a casa e mi sono messo con carta e penna a fare due conti, di quanto effettivamente costi un contratto con la 3 sia per 30 mesi, sia per 42 mesi.

Innanzitutto ho analizzato la 3supervalutaDiamond (gli portate un vecchio cellulare e vi fanno lo sconto). Vediamo bene che cosa significa con il contratto TOP 400 la dicitura: “Anticipo 70 euro, contributo mensile di 24,50 euro, contributo iniziale 90 euro su cui verrà riconosciuto uno sconto mensile sul canone d’importo complessivo pari al contributo iniziale versato a partire da fine vincolo per la durata di 12 mesi”.

Analizziamo per bene…

Anticipo 70 euro = appena iniziate tutta la manfrina, gli date 70 euro, a cui potete dire addio, non li vedrete mai più.

Contributo mensile 24,50 euro = gli date 24,50 euro al mese più 5,16 euro di tassa di concessione governativa (fanno eccezione le promozioni dove c’è scritto NO TAX), che diventano quindi 29,66 euro per 30 mesi.

Contributo iniziale 90 euro su cui verrà riconosciuto uno sconto mensile sul canone d’importo complessivo pari al contributo iniziale versato a partire da fine vincolo per la durata di 12 mesi = cioè a partire dal 31 esimo mese vi sconteranno ogni mese 1/12 di 90 euro per un anno, cioè da 24,95 dovete togliere 7,50 euro; inoltre dal 31 esimo mese non pagate più la tassa di 5,16 in quanto il finanziamento sarà terminato. Quindi prima di potervi sciogliere dal contratto dovrete pagare per altri 12 mesi 17,45. Cosa succede se dopo i 30 mesi decidete di recedere dal contratto? Perdete i 90 euro.

Tutto questo confermato in un negozio tre, prima di fare cazzate. I calcoli che ho fatto sono stati i seguenti:

TOP 400 con 3 = 400 min, 100 SMS, 2GB internet (70 euro anticipo, 24,95 euro/mese, 5,16 euro/mese tassa concessione per 30 mesi, 90 euro contributo iniziale)

TOP 800 con 3= 800 min, 200 SMS, 2GB internet (nessun anticipo, 34,95 euro/mese, nessuna tassa concessione per 30 mesi, 90 euro contributo iniziale)

Finanziamento Apple = dai miei calcoli un finanziamento Apple di 729 euro costa 33,70 euro per 24 mesi

Ho aggiunto anche un potenziale acquisto con la Vodafone contributo anticipo 99 euro e 20 euro al mese più tassa di concessione, nessun piano associato, paghi tutto a parte (fondamentalmente utile per chi vuole prendere solo il telefono e buttare la sim)

Piani 30 mesi:

– TOP 400 3SuperValuta Diamond per 30 mesi (rinunciando ai 90 euro finali) = 1049,8 euro

– TOP 800 3SuperValuta Diamond per 30 mesi (rinunciando ai 90 euro finali) = 1125 euro

– Acquisto in contanti  + contratto wind 7 euro (300 min, 300 SMS, 2gb internet) al mese per 30 mesi = 939 euro

– Acquisto con finanziamento (24 mesi) + contratto wind 7 euro (300 min, 300 SMS, 2gb internet) al mese per 30 mesi = 1010,97 euro

– Vodafone Tutto Facile Basic + contratto wind 7 euro (300 min, 300 SMS, 2gb internet) 30 mesi = 1063,8 euro

Piani 42 mesi

– TOP 400 3SuperValuta Diamond per 42 mesi (senza rinunciare ai 90 euro finali) = 1163,8 euro

– TOP 800 3SuperValuta Diamond per 42 mesi (senza rinunciare ai 90 euro finali) = 1239 euro

– Acquisto in contanti + contratto wind 7 euro (300 min, 300 SMS, 2gb internet) al mese per 42 mesi = 1023 euro

– Acquisto con finanziamento (24 mesi) + contratto wind 7 euro (300 min, 300 SMS, 2gb internet) al mese per 42 mesi = 1094,97 euro

– Vodafone Tutto Facile Basic + contratto wind 7 euro (300 min, 300 SMS, 2gb internet) 42 mesi = 1147,8 euro

Tirando le somme come potevamo aspettarci la più conveniente sia per i 30 mesi che per i 42 mesi è l’acquisto diretto tramite Apple in contanti.

Spero di avervi dato un idea sui soldi effettivi che si devono sborsare e avervi dato qualche dritta riguardo a tutto sto casino che fanno su anticipi, tasse di concessione e contributi iniziale.

Alla fine comunque vada, la prendiamo sempre in quel posto ;D

Scrivetemi pure se per caso vi accorgete che ho sbagliato dei calcoli o per dei chiarimenti su come li ho eseguiti!

Saluti!!!

Author: Matteo Temporini

Nato nel 1979 a Udine (Italia), ho conseguito il diploma di scuola superiore come Programmatore. Ho proseguito gli studi ottenendo nel 2006 la Laurea in Informatica, presso l'università degli studi di Udine. Da sempre appassionato al mondo del Web, ho maturato un esperienza decennale come sistemista Linux e Windows presso varie aziende. Quello che state leggendo su questo sito è frutto della mia esperienza diretta, che continua a crescere grazie ad amici e colleghi.

Share This Post On

5 Comments

  1. Hai provato a vedere cosa costa negli USA un 5s di punta rispetto all’Italia? Promozioni/offerte a parte, crisi e inflazione da noi 949€, da loro 619€.
    Ora se Vodafone/H3g accedono a quei prezzi (siamo o non siamo un mercato globale) ti rendi conto di quanto realmente ci guadagnano.

  2. Aspetta da noi se lo compri secco in contanti sono 729 euro. In america sul sito sono 649 dollari, circa 479 euro. Te lo vendono quasi al doppio. Mi sa che possono andare a fanculo 😉

  3. Sono uno dei pochissimi (forse l’unico) possessore di Iphone 3G 8GB di seconda generazione dal 2009. Esemplare rimasto vecchio di software e non più aggiornabile però, per le mie esigenze, ha sempre fatto il suo dovere. Non sono inseguitore delle ultime novità immesse sul mercato a prezzi fuori da ogni logica solo per ingrassare Apple. In previsione di una sua sostituzione, ho letto le offerte e le giuste analisi di Temporini. Mi domando quale sia la convenienza se non solo il possedere l’ultima novità comunque strapagata. Alla fine dei 30 mesi hai pagato il cellulare dai 450 ai 500 euro in più del suo prezzo d’acquisto. D’accordo che in tale differenza è contemplato anche il suo uso sia in voce che traffico internet, ma a quale costo? Prima cosa resti legato per quasi 3 anni all’operatore scelto ma, alla fine, i cosiddetti pacchetti di minuti assegnati, di solito a ragionevole costo fisso mensile, te li fanno pagare salati. La mia non è considerazione supportata da tanti calcoli (già effettuati egregiamente da Temporini), ma soltanto da un giudizio immediato che è difficile sbagliare. Alla fine, con tutto ciò che devi pagare all’inizio, durante i 30 mesi e alla fine, hai sborsato un sacco di soldi e non riesco a intravvedere convenienza alcuna. Solo il possedere quella “piatta scatoletta con la mela morsicata” di Iphone che fa tanto “figo”? Per conto mio, Apple può andare a quel paese insieme ai suoi oggettini da “gioielleria”. Quello che possiedo era il primo ma sarà anche l’ultimo visto che altre marche propongono cellulari a metà prezzo e con funzioni che non li fanno essere delle “ciofeche”. Dunque, ho fatto un’analisi “grossolana” e ritengo che Temporini, anche se è entrato maggiormente nei dettagli, sia d’accordo con mè. Non tutti, ovviamente, lo saranno, ma ad ognuno il suo parere.

  4. Caro Matteo, non devi ringraziarmi. La mia è stata una valutazione ad occhio che è coincisa con la tua. Vorrei approfittarne per aggiungere un’altra osservazione. Detto per inciso, noi ci incazziamo con Apple ma sbagliamo. Le intramontabili leggi di mercato si reggono su due pilastri. Il produttore, che facendo da sempre il suo interesse, gestisce l’offerta e il consumatore, che dimostra di non fare quasi mai il proprio interesse, gestisce la domanda. In USA l’Iphone, come è stato rimarcato, costa la metà. Mettiamoci pure una quota parte di spese di trasporto e distribuzione ma , comunque, il prezzo applicato sul nostro mercato rimane sempre fuori di testa. L’Iphone, sia per il mercato USA che per quello estero, è fabbricato dagli stessi schiavi cinesi e possiamo immaginarci a quale costo. Gli americani, che ci piaccia o no, sono più intelligenti di noi, e di parecchio. Quando per loro un prodotto è troppo caro cosa fanno? Lo hanno dimostrato con la benzina (dove da noi costa di più di un Brunello da Montalcino…). Per un certo periodo non ne hanno più acquistata da una certa Compagnia Petrolifera. E’ bastato poco tempo perchè quella Compagnia non vendesse per milioni di galloni. Cosa è stata costretta a fare? Abbassare i prezzi. Le altre compagnie, per fronteggiare una pericolosa concorrenza, hanno dovuto fare altrettanto. Noi intelligentoni italiani,invece, pur consapevoli (ma ne dubito..!!) di prenderlo in quel posto continuiamo ad acquistare. Anche a rate, ma non rinunciamo. Evitiamo altre spese, ma l’Iphone è come una medicina salvavita. Viviamo in baracche con le pezze sul sedere, ma in tasca dobbiamo avere l’Iphone. A questo punto non possiamo incazzarci con la Apple e con le compagnie telefoniche che propongono le “fregature a rate”. Perchè? Semplicemente perchè, tornando alla distinzione iniziale, è il consumatore imbecille che fà fare i prezzi a vantaggio di quel produttore al quale viene consentito di pensare “Teniamo i prezzi alti, tanto la domanda di una massa notevole di squattrinati rimane comunque alta”. Chi non farebbe così? Allora è meglio stare zitti o agire da consumatori intelligenti. Nel nostro caso sarebbe meglio la prima perchè la seconda risulta impossibile. Non fa parte del nostro DNA. Questo è un altro mio parere del quale sono convintissimo. Poi, ognuno, la pensi come vuole. Francamente, dipendesse da mè, la Apple metterebbe i suoi cellulari nelle uova di Pasqua.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Nexus 5: impressioni dopo una settimana di utilizzo | Temporini Matteo - […] prezzo: beh un iPhone 5s 16 gb, acquistato in contanti, attualmente costa 729 euro (vedi questo articolo al riguardo),…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per postare il commento, risolvi il quesito sottostante * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove